Utenti Home       Utenti Aziendali       Chi Siamo       Contratto EULA.

Dettaglio news

Deep web e dark web: le parti nascoste del web - cosa sono, come funzionano
- VENERDÌ 6 DICEMBRE 2019


Il web che moltissimi di noi conoscono e navigano ogni giorno è solo una infinitesimale parte dell'infinito complesso di pagine disponibili online: parliamo della parte emersa del web, tutte le pagine indicizzate dai motori di ricerca e raggiungibili da tutti gli utenti. Questa parte occupa però solo 4-5% del totale delle pagine online: c'è infatti tutta una parte del web che potremmo definire sommersa, sconosciuta alla maggior parte degli utenti, che non è accessibile direttamente e i cui contenuti non sono indicizzati dai motori di ricerca tradizionali come Google, Bing ecc...

Questa parte del web si suddivide, a grandi linee, in ulteriori due parti: il deep web e i bassifondi veri e propri, ovvero il dark web. Ma perché esistono? Come funzionano?

Che cosa è il deep web
Il deep web altro non è che quella porzione del web non indicizzata nei motori di ricerca. Sono tutti quei siti che sono raggiungibili con un normale browser, ma solo conoscendone l'indirizzo, dato che, molto semplicemente, non possono essere trovati cercando su Google. Si stima che il deep web sia tra le 500 e le 5.000 volte più grande del web emerso Sono siti web di due tipologie, principalmente: 
  • quelli che si decide di rendere accessibili solo a pochi utenti, che ne conoscono appunto l'indirizzo per raggiungerlo e possono accedervi spesso previo login. Un esempio classico: un'area riservata dove aziende o enti pubblici mettono online documenti riservati. 
  • quelli che integrano il cosiddetto "protocollo di esclusione robot", che altro non è che una serie di regole (inserite nella directory principale di un sito tramite un file di testo chiamato robots.txt) che specifica ai software usati dai motori di ricerca per analizzare e indicizzare i contenuti online, quali parti sono accessibili e analizzabili e quali no. 
Per accedere al deep web non servono strumenti particolari: basta un comune browser web e conoscere l'indirizzo preciso del sito web e le credenziali di accesso per poter effettuare un eventuale login. 


Che cosa è il dark web e perchè non va confuso col deep web
I contenuti nel dark web, anzitutto, non sono accessibili coi browser comuni, non almeno con le loro impostazioni predefinite. L'accesso ai contenuti nel dark web richieder software particolari, il più conosciuto è Tor Browser. Il nome "web in chiaro" per riferirsi al web comunemente usato e accessibile da tutti nasce proprio in contrapposizione al dark web, facendo riferimento al fatto che le informazioni nel dark web vengono integralmente criptate, al contrario del web comune dove la crittografia spesso è prevista solo con l'utilizzo del protocollo di sicurezza HTTPS.  

Per accedere al dark web, come detto, lo strumento più comune è il browser Tor: il nome è l'acronimo di The Onion Router e il riferimento ad una cipolla (onion) non è affatto casuale, ma ne descrive effettivamente il funzionamento. Tor prevede che le informazioni in transito, da client a server e viceversa, passino attraverso una serie di sistemi intermedi che fanno parte della rete: questi sono appunto detti onion router. La particolarità è che, indipendentemente dalla presenza del protocollo HTTPS, quando si usa Tor i dati in transito potranno essere letti solo da mittente e destinatario. Inoltre il server di destinazione non può registrare l'indirizzo IP reale dell'utente, ma rileva solo quello dell'ultimo onion router. Questo è il motivo per il quale Tor Browser è un sistema ottimale per nascondere il proprio IP che, come ricordiamo, è un codice numerico che identifica in modo univoco un dispositivo: insomma è il numero che identifica una specifica connessione. Tor browser può essere usato anche per accedere al web in chiaro in maniera anonima (a garanzia della propria privacy), ma consente anche di accedere alle pagine nel dark web che usano il dominio .onion. Non è invece possibile fare il contrario: digitando un qualsiasi indirizzo .onion su Google Chrome il sito corrispondente risulterà non raggiungibile.  

Perchè esiste il dark web?
Il dark web risulta utile a tutti coloro che desiderano sfuggire alle leggi oppure ancora a chi necessita di sfuggire alle maglie di regimi repressivi. E' infatti usato spesso da giornalisti, politici, esperti di comunicazione, ma anche, purtroppo, da criminali di vario genere. Questo è il motivo per il quale, di contro, il dark web è anche molto frequentato da forze di polizia, servizi di intelligence e ricercatori di sicurezza, allo scopo di individuare e terminare attività illegali. Insomma, il dark web può essere una minaccia, ma non lo è necessariamente: è solo un mezzo che garantisce anonimato e non necessariamente conduce all'illegalità. Indubbiamente, però, è un mondo rischioso dove è sconsigliato l'accesso ad utenti poco esperti. 


Leggi tutte le news     |     Leggi tutti gli update
Ultime news

MARTEDÌ 21 GENNAIO 2020
La cyber estorsione...che non è un'estorsione, ma il malware Emotet
Ne vediamo ogni giorno e di ogni tipo: è indubbio che i cyber criminali abbiano una grande fantasia nell'inventarsi ogni giorno nuove tecniche di attacco e nuovi inganni ...

leggi tutte le news

Premi e Certificazioni

La qualità dei prodotti Quick Heal vanta innumerevoli premi e certificazioni a testimonianza della sempre crescente importanza del marchi a livello mondiale nel settore Antivirus e sicurezza informatica

Continua a leggere »

Chi siamo
Panoramica
La nostra storia
Premi & Certificazioni
Scheda riepilogativa
Clienti
Dicono di noi
Trova un rivenditore
Manuali e schede tecniche
Chiedi aiuto
Contatti
Update
Rivenditori
Diventa rivenditore
Strumenti di supporto
Link rapidi
Rinnova ora
File di installazione
Supporto
Contratto EULA.
Download Upgrade

S-MART è un marchio di proprietà netWork Sas
P.IVA: 05345670482

© 2020 nwk - Privacy Policy - Cookie Policy - Login