Utenti Home       Utenti Aziendali       Chi Siamo       Contratto EULA.

Dettaglio news

Privacy e Web: cosa fare per migliorare la privacy online in 10 mosse
- MERCOLEDÌ 18 LUGLIO 2018


Lo scandalo Cambridge Analytica, fughe di dati massive, tracciamento delle attività nel web a fini di marketing ecc...si può certo dire che tra il web e la privacy intercorra una relazione complicatissima. La soluzione ovviamente non è staccare Internet e isolarsi, ma prendere alcune contromisure. Quindi ecco alcune dritte per migliorare la tua privacy online.

1. Verificate le impostazioni privacy sui social
Verificate le impostazioni privacy su tutti gli account social che utilizzate e che contengono informazioni personali: potreste rimanere sorpresi nello scoprire quante informazioni personali sono visibili di default su Internet. Tramite le impostazioni privacy potrete gestire la privacy e stabilire quali e a chi mostrare le vostre informazioni personali. Modificate quindi le impostazioni privacy sui vostri account!


2. Non usare servizi pubblici di storage per salvare dati sensibili e privati
L'eccesso di condivisione dei dati personali non riguarda soltanto i social, ma anche i servizi online per la condivisione di informazioni e per lo storage di dati privati. Stiamo parlando di Google Docs o Dropbox, nei fatti "luoghi" assolutamente inadatti ad immagazzinare dati sensibili (a partire dalle credenziali di accesso ai vari account). Se non avete alternative all'uso di tali servizi, l'unica possibilità per mettere realmente al sicuro i dati è salvarli su documenti criptati. 

3. Evitate il tracking
mentre navigate su un sito web il browser che state usando mostra una serie di informazioni su di voi e sull'attività e cronologia di navigazione. Le aziende di marketing usano tali informazioni per "targhettizzarvi" e farvi arrivare annunci e pubblicità mirate. Questo meccanismo si chiama "tracking". Per evitarlo basta navigare attivando la modalità di navigazione in incognito, della quale dispongono ormai molti browser e la quasi totalità degli antivirus. 


4. Non pubblicate email principale e numero di telefono!
Qualora venisse la tentazione di pubblicare sul web la mail principale o il vostro numero di telefono... beh non fatelo! In cambio riceverete solo numerose e fastidiose chiamate e tonnellate di email di spam. Tali dati sono spesso necessari per alcuni servizi o per lo shopping online, ma è ben diverso dal pubblicarli sui social network, dove questi dati non restano "al sicuro" tra voi e il servizio, ma possono essere visti potenzialmente da milioni di utenti. 

Il consiglio migliore è di non pubblicare mai il numero di telefono e di creare un indirizzo email aggiuntivo da usare per gestire servizi online che richiedono una email di iscrizione. 

5. Usate app di messaggistica con criptazione end-to-end
La maggior parte delle app di messaggistica ormai cripta i messaggi che gli utenti si scambiano. C'è però una differenza essenziale tra alcuni servizi ed altri: alcune app infatti usano quella che viene chiamata "cifratura in transito", con la quale i messaggi sono decriptati dal fornitore del servizio e salvati sul suo server. In caso di attacco hacker al server i vostri dati saranno li, belli in chiaro, pronti per essere rubati. Per non correre rischi la modalità di cifratura migliore è quella end-to-end: in questo modo la decriptazione del messaggio avverrà nel dispositivo del ricevente e il fornitore del servizio non avrà modo di visualizzare le vostre conversazioni.

Tra le app di messaggistica che usano la criptazione end-to-end troviamo Whatsapp ad esempio. Segnaliamo invece che Facebook Messenger, Telegram e Google Allo non usano la criptazione end to end di default: occorre avviare manualmente una chat segreta. 


6. Scegliete password robuste
E' scontato: password banali, facili o esageratamente intuibili sono un grave rischio per la privacy e la sicurezza. Al contrario però memorizzare password lunghe e complesse garantisce maggiore sicurezza, ma c'è il problema di come ricordare sequenze di caratteri e numeri molto lunghe. Consigliamo l'uso di un password manager: ricordandovi una sola "master password", potrete tenere salvate al sicuro numerosissime password, possibilmente una diversa per ogni account online. 

7. Rivedete le autorizzazioni di app mobile ed estensioni del browser
Quando installate una app sul vostro smartphone vi viene richiesta la concessione di alcune autorizzazioni grazie alle quali le app possono avere accesso ai contatti, ai file sul dispositivo, alla fotocamera, al microfono, alla geolocalizzazione ecc..Alcune app senza queste autorizzazioni non possono effettivamente funzionare, altre ancora invece le usano solo a fini di marketing. Verifica le autorizzazioni concesse alle varie app ed estensioni browser e cancella quelle app/estensioni che sono troppo invadenti o richiedono permissioni eccessive.

8. Proteggi smartphone e computer con password o tracciati di sblocco
Visto che smartphone e computer sono sempre pieni di dati sensibili/personali la cosa migliore da fare è proteggerli impedendo a chiunque di avervi libero accesso. Proteggere smartphone e computer con una password è già una prima forma di deterrenza. Per i dispositivi mobile consigliamo di scegliere un codice PIN di 6 cifre anzichè 4 o una vera e propria password invece di un PIN a 4 cifre o una sequenza di blocco schermo. Consigliamo di valutare anche sistemi di riconoscimento biometrico.

9. Disattiva le notifiche su schermo
Immaginate di mettere password per ogni app, per il blocco/sblocco schermo e ogni altro sistema di protezione privacy e dati e poi lasciare attive le notifiche sullo schermo. In barba ad ogni protezione, chiunque passi accanto al vostro telefono non lo potrà sbloccare ma potrà vedere e leggere le notifiche che appaiono in bella mostra sullo schermo. Per evitare questo basta semplicemente impostare correttamente la visibilità delle notifiche. Online sono disponibili diverse guide gratuite a seconda dei modelli e dei sistemi operativi in uso. 

10. Occhio alle reti wi-fi!
Le reti Wi-Fi pubbliche quasi mai criptano il traffico, così chiunque si trovi sulla stessa rete può provare a spiarvi e rubare i vostri dati. Evitate quindi il più possibile di condividere su reti Wi-Fi pubbliche dati sensibili come credenziali o dati della carta di credito. Se possibile usate una VPN (Virtual Private Network), che garantisce una navigazione completamente anonima e cifratura dei dati. 



Leggi tutte le news     |     Leggi tutti gli update
Ultime news

MARTEDÌ 23 LUGLIO 2019
Hacking della Webcam: come impedire la violazione della tua privacy?
Immagina, un giorno, di aprire la posta in arriva e trovare una email che contiene tue immagini private o intime. Sotto le immagini, lampeggia una richiesta di riscatto "...

leggi tutte le news

Premi e Certificazioni

La qualità dei prodotti Quick Heal vanta innumerevoli premi e certificazioni a testimonianza della sempre crescente importanza del marchi a livello mondiale nel settore Antivirus e sicurezza informatica

Continua a leggere »

Chi siamo
Panoramica
La nostra storia
Premi & Certificazioni
Scheda riepilogativa
Clienti
Dicono di noi
Trova un rivenditore
Manuali e schede tecniche
Chiedi aiuto
Contatti
Update
Rivenditori
Diventa rivenditore
Strumenti di supporto
Link rapidi
Rinnova ora
File di installazione
Supporto
Contratto EULA.
Download Upgrade

S-MART è un marchio di proprietà netWork Sas
P.IVA: 05345670482

© 2019 nwk - Privacy Policy - Cookie Policy - Login