Utenti Home       Utenti Aziendali       Chi Siamo       Contratto EULA.

Dettaglio news

Facebook: Cambridge Analytica ha avuto accesso ai dati di 87 milioni di utenti
- VENERDÌ 6 APRILE 2018


Qualche giorno fa Facebook ha rivelato che Cambridge Analytica ha avuto accesso alle informazioni personali di più di 87 milioni di utenti, e non di 50 milioni, come era stato inizialmente riportato. Più di 70 milioni, l'80 % della cifra complessiva, sono Americani, ha rivelato il social network in un grafico dividendo gli utenti in base al Paese di residenza.

Immagine tratta da Bleeping Computer

Facebook informerà tutti gli utenti interessati
Facebook prevede di informare tutti gli 87 milioni di utenti interessati lunedì 9 aprile, con un messaggio che dovrebbe apparire in cima alla loro time-line di Facebook. 
Il social network prevede anche di mostrare un ulteriore messaggio che chiederà a tutti gli utenti, non solo agli 87 milioni interessati, di rivedere le app che hanno accesso ai propri dati di Facebook.

Per tenere conto degli utenti pigri che ignorano questi messaggi, Facebook ha anche annunciato che taglierà automaticamente l'accesso ai dati dell'utente di quelle app chel'utente non ha utilizzato l'app negli ultimi tre mesi.

Troppo poco troppo tardi
Oltre agli avvisi per gli utenti, Facebook ha annunciato oggi anche altri cambiamenti, tra cui: 
  • Aggiornamento della policy in materia di dati e i termini di servizio del sito.
  • Le app non avranno accesso ai partecipanti  di evento di Facebook e ai post sulla bacheca dell'evento stesso.
  • Le app non avranno accesso all'elenco dei membri di un gruppo Facebook
  • Le app che vogliono accedere a un gruppo di Facebook dovranno essere esaminate da Facebook e approvate dall'amministratore del gruppo
  • Le app non avranno accesso al nome e alla foto dell'utente per i commenti fatti all'interno di un gruppo Facebook.
  • Lo staff di Facebook esaminerà tutte le app che hanno bisogno di accedere a una pagina di Facebook.
  • Le app non potranno accedere alle opinioni religiose o politiche di un utente, allo stato delle relazioni e ai dettagli, agli elenchi di amici personalizzati, alla cronologia di istruzione e lavoro,  alle attività di lettura di libri e di ascolto di musica, alla lettura di notizie, alle attività di visualizzazione di video e di gioco. 
  • Gli utenti non potranno cercare altri utenti utilizzando il loro numero di telefono o l'indirizzo email. Facebook ha affermato che "i malintenzionati hanno abusato di queste funzioni per racimolare informazioni sul profilo pubblico di un individuo, inviando numeri di telefono o indirizzi e-mail che hanno già ottenuto attraverso la ricerca e il recupero dell'account.
  • L'app Facebook per Android non raccoglierà più chiamate e meta-dati SMS. 
Facebook ha adottato questi provvedimenti per combattere app scorrette e dannose come quella sviluppata da un ricercatore per Cambridge Analytica.

L'app al centro dello scandalo "Cambridge Analytica"
Chiamata "This Is Your Digital Life", questa "quiz app" ha utilizzato una falla nel modello delle autorizzazioni delle app di Facebook per raccogliere informazioni su oltre 87 milioni di utenti, anche se solo 270.000 utenti hanno realmente utilizzato l'app. Ciò è accaduto perché, al tempo, Facebook consentiva alle app di raccogliere dati sugli amici di un utente, non solo sull'utente stesso che aveva installato l'app.

La maggior parte degli esperti di privacy e sicurezza ritiene che i truffatori abbiano già mappato la maggior parte della base di utenti di Facebook: i recenti aggiornamenti di Facebook rischiano di servire soltanto per calmare gli utenti arrabbiati i cui dati sono stati sottratti da una società di analisi che successivamente li ha trasformati in un'arma per il targeting politico e la propaganda.




Leggi tutte le news     |     Leggi tutti gli update
Ultime news

LUNEDÌ 18 NOVEMBRE 2019
Quick Heal supporta il Windows 10 November Update
Microsoft ha diffuso recentemente il nuovo aggiornamento cumulativo per i pc che eseguono Windows 10, chiamato Windows 10 November Update.   Ecco alcune de...

leggi tutte le news

Premi e Certificazioni

La qualità dei prodotti Quick Heal vanta innumerevoli premi e certificazioni a testimonianza della sempre crescente importanza del marchi a livello mondiale nel settore Antivirus e sicurezza informatica

Continua a leggere »

Chi siamo
Panoramica
La nostra storia
Premi & Certificazioni
Scheda riepilogativa
Clienti
Dicono di noi
Trova un rivenditore
Manuali e schede tecniche
Chiedi aiuto
Contatti
Update
Rivenditori
Diventa rivenditore
Strumenti di supporto
Link rapidi
Rinnova ora
File di installazione
Supporto
Contratto EULA.
Download Upgrade

S-MART è un marchio di proprietà netWork Sas
P.IVA: 05345670482

© 2019 nwk - Privacy Policy - Cookie Policy - Login